MUSICA: “Billie Eilish”

È la prima artista di cui parliamo su Be Different ad essere nata nel nuovo millennio. Dunque analizziamo con curiosità e interesse il contenuto artistico della teenager di Los Angeles.

 

È sicuramente la novità più importante del 2019 per quanto riguarda le radio non-anglofone, ma sebbene sia solo un’adolescente (deve ancora compiere 17 anni) è ormai a suo agio nel mondo dei grandi palchi.

Quest’anno è uscito il suo primo disco, When we fall asleep, where do we go, ed è un successo mondiale. La sua faccia è dappertutto e la sua musica sembra mettere d’accordo tutti.

Al primo ascolto si resta intrappolati in un mood malinconico, dovuto all’uso esteso di accordi minori e suoni che attingono dalla musica alternative pop degli ultimi 20 anni.

È talentuosa senza esagerazioni, ha una bella voce, ma non potente: pura, senza virtuosismi. Dà il meglio nel registrato o nei live acustici, in cui canta con un filo di voce.

Nei testi delle canzoni traspare un’adolescenza “Generazione Z”: sembrano scritti da una persona molto più grande, ma fanno richiamo a situazioni con le quali i post-millennials hanno sicuramente a che vedere.

Bad Guy, un instant classic, parla della necessità di una ragazza di comportarsi male (e quindi da ragazzo cattivo) per poter sopravvivere a una relazione. Duh!

Chiaramente i mezzi di produzione e le sue possibilità sono di gran lunga superiori a quelli di altre coetanee, ma si stenta a credere alla sua età data la qualità generale dell’album, degli arrangiamenti e del songwriting. La supporta il fratello Finneas di qualche anno più grande.
Questa qualità è giustificata dall’etichetta: la Interscope, che l’aveva scoperta già tre anni fa quando una sua canzone, pubblicata su Soundcloud, era diventata famosa.

I più cinici la descriverebbero come un nuovo prodotto dell’industria, impacchettato per quel pubblico giovanile a cui mancava un modello anticonformista, contestualizzato ai nostri giorni.

Rispetto alle teen star che abbiamo visto finora gioca molto su un look che strizza l’occhio al dark (non a caso anche la sua musica è stata classificata come dark pop). Sull’abbigliamento ha preso posizioni nette: per sottolineare quanto non ci tenga ad essere giudicata dall’aspetto fisico, indossa abiti molto larghi.

Nel complesso si resta piacevolmente sorpresi da questa giovanissima cantante. Vedremo come crescerà artisticamente.

 

Please follow and like us:
error

Share This

Copy Link to Clipboard

Copy