STARTED FROM THE BOTTOM:”Dakota Johnson&Jamie Dornan “

Viaggio in Dakota

 

Niente geografia: qui parliamo di colei che ha dato il volto angelico e indifeso di Anastasia nella saga “Cinquanta sfumature”, il film che l’ha resa una stella. Ma non tutti sanno che è famosa da sempre, destinata fin dalla nascita a divenire una star di Hollywood. Ecco a voi signore e signori Dakota Johnson come non l’avete mai vista.

Dakota Mayi Johnson, nota semplicemente come Dakota Johnson, è nata nel 1989 ad Austin ed è, come si sa, un’attrice e modella statunitense.

Papà e mamma attori anche loro i quali però, quando Dakota aveva solo sette anni, pervennero al divorzio.

In quanto figlia d’arte la piccola Dakota – ancora bambina –  iniziò la sua carriera come modella. A nove anni (1999), per la prima volta, intraprese la recitazione accanto alla madre Melanie nella commedia Pazzi in Alabama. Studiò in seguito alla Aspen Community School nell’omonima città, Colorado, alla Santa Catalina School di Monterey e infine presso la New Roads School di Santa Monica.

C’è però, come sempre, l’altra faccia della medaglia: nonostante le ottime prospettive e la provenienza familiare, Dakota visse un periodo molto difficile, subì bullismo e pressioni di ogni genere nel lavoro che la portarono all’uso di droghe fino a dover ricorrere ad un centro di riabilitazione.

Il suo percorso nello spettacolo, inoltre, dovette interrompersi per concludere il ciclo di studi. Ma si trattava pur sempre del suo sogno; un sogno che, semplicemente, mise da parte e che – lei lo sapeva – avrebbe riafferrato in seguito. Una volta conclusi gli studi, infatti, ricominciò da dove aveva lasciato affrontando senza timori una dura gavetta. Gavetta che, fino a tutto il 2014, non la portò troppo lontano. Ciò significa che essere figli d’arte non è sempre un vantaggio…!

Prima della sua svolta lavorativa la vita la metterà ancora alla prova: sostenne un provino per la serie tv Girls in presenza del produttore, Judd Apatow, che la scartò. Nessuno ama essere scartato ma lei insistette, presentandosi al provino per il ruolo di Anastasia Steele. Bastarono pochi secondi per convincere i produttori che la parte sarebbe stata sua.

Siamo alla svolta: quando le sale in tutto il mondo furono invase dalle varie pellicole della saga “Cinquanta sfumature” Dakota, la piccola grande Dakota, divenne quel che doveva diventare: una stella più che luminosa.

 

Dakota Johson è partita dal basso… pur essendo figlia d’arte non ha avuto raccomandazioni e non ha goduto di scorciatoie; ha dovuto, anzi, fare anche i conti con bullismo e droga. Ma è stata determinata, forte e, dopo mille sacrifici, ce l’ha fatta. Voi ne sareste capaci?

Le sfumature di Jamie

Oggi parliamo del ricco e affascinante uomo d’affari protagonista della saga “Cinquanta sfumature”: occhi grigi, fisico scolpito direttamente da Michelangelo ed un talento che lo ha portato ad essere uno degli attori più desiderati e pagati al mondo. Ecco a voi, signore e signori, Jamie Dornan come non lo avete mai visto.

Jamie Dornan nasce a Belfast, Irlanda, il 1° maggio 1982.

La recitazione, in famiglia, era già una solida passione, quanto meno per il padre il quale, comunque, faceva il ginecologo. Passione che Jamie ereditò senza mezzi termini anche se non fu quella, per lui, la prima strada intrapresa. Di strade, in realtà, ne percorse molte altre.

A 16 anni dovette affrontare la morte della madre colpita da un tumore. Fu assai difficile, per il giovane Dornan, superare la perdita; tuttavia la vita va avanti per tutti e così fu anche per Jamie che decise di goderne comunque appieno.

Si iscrisse al Methodist College praticando il rugby e il teatro; ed è qui che, giorno dopo giorno, iniziò a prendere sempre più confidenza con l’arte dello spettacolo. Prima di avvicinarsi al mestiere d’attore tentò la carriera musicale e, insieme all’amico del cuore David Alexander, fonda la band folk Sons of Jim, destinata a sciogliersi nel 2008 senza mai “sfondare”.

Successivamente decise di frequentare l’università, ma l’abbandonò poco dopo per studiare recitazione a Londra.

Jamie non era figlio d’ arte e non aveva nessun “santo in Paradiso” nell’ambiente artistico, ma senza indugi ebbe il buon senso ed il coraggio di perseguire ad ogni costo la sua ambizione.

Dopo anni di studi iniziò la cosiddetta gavetta esordendo, nel 2006, nel film Marie Antoniette.

Fino al 2013 interpretò ruoli secondari anche sul piccolo schermo in telefilm britannici; ma del successo, ancora, nemmeno l’ombra.

A dispetto di questi lunghi anni di penombra (sette anni) Jamie trovò la forza e la determinazione di insistere e, come si sa, la fortuna aiuta gli audaci quando meno te lo aspetti: correva l’anno 2013 quando arrivò, per il giovane Dornan, il colpo di fortuna con il ruolo di Christian Grey nell’adattamento del best-seller “Cinquanta sfumature di grigio”. Jamie, di fronte a questa prova impegnativa, visse momenti di grande ansia; ansia “da prestazione”, paura di non appagare i fan della celebre saga. Ma dopo l’uscita della prima pellicola il mondo intero parlerà ossessivamente di lui.

 

Jamie Dornan è partito dal basso… Ha provato a imboccare diverse strade, dalla musica agli studi universitari. Ha affrontato e superato sette anni di gavetta arrivando ad essere uno tra gli attori più di successo al mondo. Voi ne sareste in grado?

Please follow and like us:

Share This

Copy Link to Clipboard

Copy